6 marzo 2012

gnocchi di melanzane e farina di ceci

un primo facile, originale e davvero irresistibile, uno tira l'altro.

INGREDIENTI:


2 melanzane grandi
1 uovo
150 gr. di farina di ceci
farina 0 qb
1 manciata di origano


ponete in forno le melanzane intere a 200° per circa 20 minuti; quando saranno molli pelatele, strizzatele molto bene per eliminare l'acqua e poi frullate la polpa. unite l' uovo e le farine (le mie dosi possono variare a seconda della qualità delle melanzane, andate a occhio).
unite lorigano e impasta fino ad ottenere un impasto morbido e appiccicoso.
fate cadere dei tocchetti d'impasto in acqua bollente salata, aiutandovi con 2 cucchiaini.
quando vengono a galla, scolateli con la schiumarola e condite con un sughetto di pomodorini freschi e aglio profumato.

18 febbraio 2012

carote finger food

un antipasto pronto in un baleno, leggerissimo e originale.


INGREDIENTI:

3 carote grandi
formaggio fresco e compatto (tipo Linea)
sale 
pepe
olio evo
aceto balsamico


pelate le carote e lessatele fino a farle diventare morbide ma ancora leggermente al dente.
tagliatele a rondelle, ponetele in una ciotola con una marinata di condimento.
nel frattempo tagliate il formaggio a metà, in modo che lo spessore sia di circa 1/2 cm. con il tappo di una bottiglia d'acqua ricavate dei tondini di formaggio.
create delle torrette e fermate con uno stecchino. spolverate di abbondante pepe.

4 febbraio 2012

antipastino semplicissimo - un post polemico.

gli impegni di ogni giorno mi spingono a postare sempre poco, ultimamente, eppure continuo a seguire tantissimi altri blog e si sa che parlando di cucina sulla rete c'è da perdersi.
eppure a volte qualcosa mi irrita: leggo qua e là parole come thè matcha, tofu, patate viola, pistacchi di Brönte...
non che abbia qualcosa in sospeso con questi ingredienti, anzi, ma in rete il loro utilizzo spesso si diffonde a macchia d'olio, come un epidemia e ciò che nasce dalla ricerca e dalla creatività di pochi, poi sembra livellarsi in uno sfoggiare di piatti artefatti e concepiti solo per stupire, per colpire, per essere "fashion". ecco, quando si parla di fashion-food io mi arrendo.
non sono una chef di alta cucina, ho un sacco di cose da imparare e anche a livello estetico vorrei imparare a curare meglio l'aspetto di ciò che preparo, ma amo la tradizione e le cose semplici, oppure quelle complesse, ma che racchiudono in sè sapori e aromi di una volta. non disdegno per nulla l'innovazione e l'estro e il coraggio che alcuni dimostrano in fatto di food, ma mai rinnegherò il piacere del profumo di pane fatto in casa, la meraviglia di un piatto di tagliatelle fresche o una semplice, divina pizza napoletana.


con ciò concludo postando una ricetta semplice, quasi banale.



INGREDIENTI:

4 fette di prosciutto di praga
10-12 pomodorini pachino
1 mela renetta
qualche scaglia di parmigiano reggiano
5 foglie di salvia
olio evo
aceto balsamico
sale e pepe

affettate i pomodori e la mela con la buccia; posozionate una fetta di pomodoro sopra il prosciutto, sopra una di mela, una foglia di salvia e le scaglie di parmigiano.
chiudete a pacchettino e posizionate al centro del piatto. decorate con le fette di pomodoro e mela, alternate. condite e gustate con crostini di pane di segale.

24 novembre 2011

angelica con spinaci e cabrie

un'angelica salata dal gusto unico: gli spinaci si sposano a meraviglia con il sapore deciso e cremoso del cabrie, un formaggio brie ottenuto mediante la lavorazione del latte di capra.


INGREDIENTI:

lievitino:
130 gr. di farina 0
15 gr. di lievito di birra
70 gr. acqua

impasto:
350 gr. farina 00
110 gr. di latte
2 tuorli
acqua qb
sale
1 cucchiaino di zucchero

ripieno:
400 gr. di spinaci freschi
pinoli
uvetta
150 gr. di cabrie

cominciate preparando il lievitino. amalgamate bene tutti gli ingredienti in una terrina, coprite e lasciate lievitare per almeno 40 minuti.
preparate l'impasto scaldando il latte, quando sarà tiepido, toglietelo dal fuoco e scioglietevi i tuorli, uno per volta. impastate la farina con il latte, unite lo zucchero e il sale. unite all'impasto il ilevitino e se risultasse troppo secco aggiungete dell'acqua. formate una palla, crociatela e fatela lievitare per 45 minuti.
saltate i pinoli in un tegame antiaderente con poco olio, unite l'uvetta e gli spinaci freschi, aggiustate di sale.
recuperate l'impasto e stendetelo a forma rettangolare, versate sopra gli spinaci e il cabrie a tocchetti. arrotolate il rettangolo dalla parte più lunga, stringendo molto; tagliate il "serpente" ottenuto a metà (x il lungo) e intrecciate delicatamente i due lembi fino ad ottenere una ciambella.
posizionate la ciambella in uno stampo e lasciate lievitare per 30 minuti.
infornate a 180° per circa 40 minuti.


20 novembre 2011

das schwarze brot (il pane nero)

un pane che fa bene, buonissimo e molto saporito; se fatto in casa si crea una crosta croccante, ma sottile, non dura e spessa come spesso capita quando si acquista anche nelle migliori panetterie..
perfetto per gustare dello speck o del salame, ma ottimo anche per la colazione, spalmando su di una fetta dell'ottima marmellata ai frutti di bosco, come si usa fare in Germania.


 INGREDIENTI:

200 gr. di farina integrale
80 gr. di farina di segale
30 gr. di farina 0
1 manciata di semi di zucca
1 pizzico di semi di papavero
sale
acqua qb
1 panetto di lievito di birra
1/2 cucchiaino di zucchero

miscelate le farine in una terrina, aggiungete il sale e i semi di zucca; sciogliete in un bicchiere di acqua tiepida il lievito e lo zucchero aspettate che si crei della schiuma in superficie e unite alle farine.  impastate energicamente, formate un panetto e lasciate lievitare per circa un'ora, nel forno caldo, ma spento.
prendete uno stampo da plumcake e allungate l'impasto, spennellate la superficie con acqua e spolverate con i semi di papavero. infornate per circa 40 minuti a 200°.


6 novembre 2011

casoncelli del bosco

una pasta fresca morbidissima e un ripieno dal sapore delicato, un primo perfetto da preparare in autunno.

INGREDIENTI:

per la pasta
300 gr. di farina 0
1 bicchiere di vino bianco
acqua qb

per il ripieno
1 confezione di funghi secchi
4 cucchiai di parmigiano
1 ciuffo di prezzemolo
2 spicchi di aglio
1 goccio di latte
sale

mettete a mollo i funghi.
impastate la farina con il vino, se necessario aggiungete dell'acqua. formate una palla asciutta e molto elastica e lasciatela riposare in frigo per mezz'ora circa.
strizzate i funghi, sciacquateli e cuoceteli in padella con l'aglio tritato e un filo d'olio, per cica 20  minuti. lasciateli raffreddare; nel frattempo recuperate la pasta, tirate una sfoglia sottile (0, 5 cm); in essa ricavate dei cerchi di circa 3 cm.
frullate nel mixer i funghi, unite il parmigiano, il prezzemolo e il latte per amalgamare.
ponete una pallina di ripieno su ogni cerchio di pasta, richiudete a mezzaluna e allungate il raviolo, schiacciandolo delicatamente al centro.
mettete a bollire dell'acqua e buttate i casoncelli, 6/8 per volta e tirateli su con la schiumarola quando vengono a galla.
con il ripieno avanzato create un sugo aggiungendo un goccio di vino bianco e acqua di cottura.

5 novembre 2011

dahl (zuppa di lenticchie rosse)

una zuppa indiana davvero buona e delicata; questa è la mia versione, ma ne esistono molte varianti, anche perchè in India ci sono tantissimi tipi di lenticchie (per non parlare delle meravigliose spezie!)


INGREDIENTI:

1 tazza di lenticchie rosse
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla
1 spicchio di aglio
1 lattina di latte di cocco
1 cucchiaino di cumino
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di curry 
1 cucchiaino di peperoncino in polvere
1 mazzetto di coriandolo fresco

tritate la carota, il sedano. la cipolla e l'aglio e fate un soffritto con poco olio. unite le lenticchie e tostatele per 5 minuti. aggiungete il latte di cocco, alzate la fiamma e unite tutte le polveri.
cuocete per 15 minuti poi frullate con il mixer ad immersione, aggiustate di sale e sobbollite per altri 5 minuti e se necessario aggiungete dell'acqua.
servite caldo, con il coriandolo tritato in superficie.

salsa delle 3 generazioni!

ebbene sì, sono milanese. così come la mamma e la nonna...e le tradizioni vanno amate, rispettate e portate avanti con fierezza!
in famiglia prima o poi arriva sempre la "domenica del Lesso", piatto tipico della mia città, che però non amo particolarmente, ma del resto non sono proprio una carnivora; quello che fin da bambina stregava i miei sensi era una salsina meravigliosa che mia nonna usava per accompagnare la carne: profumatissima, ricca e consistente, ha un tale carattere al palato che può sembrare quasi un contorno.
e ovviamente la ricetta continua a passare di madre in figlia...speriamo che la piccola Emmolette coltivi la mia stessa passione per la cucina, così non spezziamo la catena!



INGREDIENTI


2 cipolle grandi (tropea)
2 spicchi d'aglio
2 pugni di prezzemolo fresco
2 cucchiai di aceto di vino rosso
1 cucchiaio di passata di pomodoro
 abbondante olio evo
sale


in un pentolino dai bordi alti mettete le cipolle tagliate a fette sottili e l'olio, fino quasi a coprirle. cuocete a fuoco dolce e fatele imbiondire.
unite la passata e il sale e alzate il fuoco. aggiungete un trito di prezzemolo e aglio e infine l'aceto.
lasciate evaporare e spegnete il fuoco.
servite tiepidina.

3 novembre 2011

soufflè di zucchine

buono, leggero e vegetariano, questo soufflè è un'ottimo antipasto, ma può essere accompagnato anche da un secondo dal sapore delicato, magari a base di carni bianche.
se scegliete di cuocerlo nelle singole cocotte è perfetto per un cena con ospiti esigenti: l'effetto è assicurato!


INGREDIENTI

5 zucchine
1 scalogno
3 uova
5 cucchiai di parmigiano grattugiato
sale e pepe
qualche foglia di basilico

tagliate a tocchetti le zucchine e sminuzzatele finemente nel mixer, insieme allo scalogno. fate saltare le zucchine in una padella con 2 cucchiai di olio evo per 5/7 minuti.
ponete le zucchine in una bacinella, salate e pepate e unite il parmigiano; lasciate intiepidire e unite i tuorli poi le foglie di basilico spezzate e in ultimo i bianchi montati a neve fermissima.
ungete le cocottine e trasferite l'impasto fino all'orlo.
infornate a 180° per circa 30 minuti.



18 ottobre 2011

crostata vegetariana

ecco una crostata davvero originale: il dolce della pasta frolla si sposa magnificamente con le zucchine bianche, i pomodorini di san marzano e i porri tagliati finissimi.
l'ispirazione viene da Valentina, la sua originale versione estiva mi aveva davvero incuriosito...mi sono permessa di reinterpretarla, apportando qualche modifica e tocco personale.
INGREDIENTI


per la frolla:
200 gr. di farina 0
100 gr. di zucchero
90 gr. di burro
1 uovo piccolo 
1 presa di sale


per il ripieno:
1 zucchina bianca
250 gr. di pomodorini san marzano
1 porro
1 uovo
1 goccio di latte
1 mozzarella
sale e pepe


miscelate farina e zucchero, unite il burro morbido a tocchetti e il sale. quando l'impasto sarà "sbricioloso" aggiungete l'uovo. lavorate con le mani e quando la pasta sarà liscia e morbida avvolgetela nella pellicola e ponete in frigo per almeno mezz'ora.
affettate a rondelle sottili la zucchina e grigliate le fette ottenute. tagliate i pomodorini a fette sottili e fateli sgocciolare; stessa cosa con la mozzarella. tritate il porro.
stendete la pasta frolla e ponetela in una tortiera rotonda, tenendo da parte 1/4 circa di pasta.
cuocete la base coprendola con dei fagioli secchi (180° per 15 minuti).
coprite la base con i porri, le zucchine, sale e pepe, mozzarella e pomodorini.
sbattete l'uovo con sale e pepe e il latte e distribuitelo sulle verdure.
con la pasta avanzata ricavate delle striscioline sottili e disponetele sulla torta, formando un reticolato.
infornate a 190° per 20 minuti.

17 ottobre 2011

risotto con zucca ed erba cipollina

un risotto in armonia con la stagione dei primi freddi e da proporre come primo, magari per la cena della notte di Halloween.
INGREDIENTI


300 gr. di riso carnaroli
250 gr. di zucca napoletana
2 cipollotti
1 mazzetto di erba cipollina
2 cucchiaini di zucchero
brodo vegetale
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
sale e pepe


fate un soffritto con i cipollotti affettati. unite la zucca tagliata a tocchetti e rosolate per 7/10 minuti. 
aggiungete il riso e tostatelo per qualche minuto. cuocete il riso aggiungendo lentamente del brodo vegetale. a fine cottura unite lo zucchero, calibrate di sale e pepe e spegnete il fuoco.
mantecate con il parmigiano e spargete l'erba cipollina tritata.

11 ottobre 2011

erbazzone monoporzione

ecco una torta salata che adoro, l'erbazzone o scarpazzone, ricetta tipica di Reggio Emilia: tutt'altro che dietetica, è perfetta per questi primi freddi, servita magari come antipasto prima di un secondo leggero.
il procedimento è molto semplice e in questo caso ho creato delle porzioni singole, di grande effetto, pratiche e davvero golosissime.


INGREDIENTI:

per la pasta:
1/2 bicchiere abbondante d'acqua frizzante
300 gr. di farina 0
2 cucchiai di olio evo
sale

per il ripieno:
2 cipollotti
1 spicchio d'aglio
1 kg di bietole fresche (o spinaci)
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
50 gr. di lardo di colonnata
sale e pepe

impastate la farina con l'acqua, l'olio e il sale. quando sarà elastica formate 4 palle e lasciatele riposare per circa 30 minuti.
lessate le bietole e una volta strizzate, tritatele. tritate il lardo e ponetelo in un tegame con i cipollotti trtati e l'aglio. unite le bietole, saltate 2 minuti e fuori dal fuoco unite il parmigiano, il sale e il pepe.
prendete le palle e dividete ogni impasto in due. tirate sottilmente la pasta con il mattarello nella forma che desiderate (io ho creato dei quadrati, ma dei dischi vanno benone..). ponete 4 dischi sulla leccarda e sulla superficie spalmate il ripieno, lasciando un bordo di mezzo cm.
posizionate sui dischi farciti la pasta rimanente, rivolate i bordi e pigiate con una forchetta.
con l'aiuto di un coltello create sulla superficie dei piccoli tagli trasversali.
spennellate con il rosso di un uovo e infornate a forno caldo (200°) per circa 30 minuti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...